012 – Padroni, oh padroni!

Nella mattinata di ieri, giovedì 26 ottobre 2017, i lavoratori del CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa, si erano riuniti in assemblea per protestare contro i licenziamenti di centinaia di lavoratori precari. Potete leggere la mozione dell’assemblea e il relativo commento della piattaforma Eurostop cliccando sul seguente link:

Pisa. Occupata dai lavoratori la sede del Consiglio Nazionale delle Ricerche – Contropiano.org

Al di là della notizia in sé, desidererei soffermarmi sulla seguente questione: fino a che punto è efficace una protesta, e per di più una protesta condotta entro gli strettissimi confini di libertà segnati dal potere?

Tempo fa lessi il testo di una vignetta, il quale diceva pressappoco così: «se fosse rivoluzionario, non te lo permetterebbero», alludendo al potere di voto degli italiani e al fatto che andando a votare – ovvero adempiendo al loro dovere di animali politici in una società sedicente democratica – gli italiani non cambiano nulla. Meglio, non hanno il potere di cambiare nulla. Per certi versi non credo che sia così, per altri sì. Mi spiego meglio. Non ho memoria di un parlamento italiano i cui componenti avessero un’età media di trent’anni o tutt’al più di quaranta (età minima consentita dall’attuale legislazione per essere eletti al Senato). Con ciò non critico in toto i deputati e i senatori anziani. Non si generalizzino le mie parole. Non mi si fraintenda, ma si legga oltre. Ciò che più mi infastidisce della politica italiana in sé è il mancato rinnovamento dell’organico politico. Legislatura dopo legislatura si vedono sempre le stesse, solite facce. Si vede solo quello: stesse facce, zero idee. Perché chi ha idee veramente riformatrici, progressiste, quasi rivoluzionarie, viene immediatamente tagliato fuori. È sempre stato così. Negli ultimi anni, l’Italia per molti aspetti è tornata indietro. E non parlo di economia.

Quale futuro potrà mai avere una nazione tanto regredita quanto la nostra, in cui l’uso democratico del dissenso finisce per favorire e per rafforzare il sistema, in una catena di tensioni e rilassamenti continui che finiranno inevitabilmente collo spezzare le corde della società civile? Una protesta come quella citata ad inizio articolo, così come le innumerevoli proteste nei varî ambiti lavorativi che hanno luogo quotidianamente in varie località del territorio nazionale, non hanno un futuro. Non avranno mai un futuro. Vanno perciò eliminati tutti i fattori, tutti gli elementi che portano al dissenso, che portano cioè la gente a protestare (giustamente). Credo che si possa rivoluzionare l’Italia senza uscir fuori dal selciato democratico segnato dai nostri padri e dai nostri nonni. Nella maggioranza dei casi, basterà semplicemente applicare la Costituzione; applicarla e controllare che essa venga rispettata. In altri casi occorre inasprire le pene e controllare che esse vengano rispettate. E vi garantisco che in questo modo il nostro Parlamento necessiterebbe per forza di nuova forza lavoro, perché una grandissima parte dei deputati e dei senatori attualmente “operanti” (si fa per dire) sono quanto meno indagati. In Italia deve vigere una reale volontà di cambiare in positivo le cose, anche e soprattutto nella stessa popolazione non direttamente operante nei centri del potere ma avente – troppo spesso inconsciamente – un altissimo potere decisionale e rivoluzionario. Solo così potranno cambiare le cose.

«Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo.»
Mahatma Gandhi

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...